Torna agli insights

Decarbonizzare lo stand degli aerei

 Mentre il sogno di un volo senza emissioni richiederà tempo per concretizzarsi, le operazioni a terra emergono come un campo pratico per ridurre le emissioni. 

Nel 2022, l’aviazione ha rappresentato il 2% delle emissioni globali di CO₂ legate all’energia, superando i tassi di crescita di altri importanti settori del trasporto. Consapevole di questo impatto, il settore dell’aviazione si sta impegnando a fondo in iniziative volte a ridurre la propria impronta di carbonio. Mentre il settore è alle prese con le conseguenze ambientali dei viaggi aerei, le operazioni aeroportuali a terra si stanno evolvendo, in quanto gli aeroporti perseguono l’efficienza energetica e, in ultima analisi, la decarbonizzazione. 

Operazioni a terra: una frontiera promettente per la sostenibilità  

Tra le sfide poste dagli aeromobili, la parte a terra delle operazioni di aviazione emerge come un’arena pratica per la riduzione delle emissioni. Gli edifici e le strutture ausiliarie degli aeroporti hanno già fatto passi da gigante nel contenimento delle emissioni. Una delle aree su cui ci si concentra ora maggiormente è il piazzale dell’aeroporto, che comprende le piazzole di sosta e le vie di rullaggio.  

Le piazzole di sosta degli aeromobili fungono da nodi intricati in cui gli aeromobili si interfacciano con il suolo, orchestrando una miriade di attività quali:  

  • imbarco e sbarco dei passeggeri 
  • servizi di pulizia
  • carico e scarico di bagagli e merci
  • attività dei tecnici e del personale di volo
  • rifornimento degli aeromobili
  • controlli esterni dell’aeromobile 

Questa complessa danza di attività deve svolgersi simultaneamente entro vincoli temporali rigorosi, riecheggiando le esigenze di efficienza dei pit-stop della Formula 1. Ciò è dovuto in parte a ragioni di sicurezza e in parte al fatto che la redditività finanziaria delle compagnie aeree dipende dalla necessità di ridurre al minimo i tempi a terra durante le ore di attività.  

Rendere più ecologica la transizione: Attracco degli aeromobili e assistenza a terra  

In molti aeroporti di tutto il mondo le norme impongono che, una volta attraccato a uno stand, un aeromobile abbia solo pochi minuti per collegarsi alle fonti di alimentazione a terra e all’aria pre condizionata prima di spegnere i motori e le unità di potenza interne. In questo momento, il controllo della qualità e della temperatura dell’aria all’interno dell’aeromobile diventa fondamentale, così come la fornitura di energia ai molteplici sistemi dell’aereo. 

Se l’aeromobile non è collegato direttamente ai sistemi di alimentazione fissi installati nell’edificio del terminal aeroportuale, la fornitura di energia elettrica ai sistemi dell’aeromobile richiede una tecnologia sotto forma di Aircraft Ground Power Units (AGPU). Queste unità sono di due tipi principali, basati sulle fonti di alimentazione:  

  • Alimentazione a motore diesel
  • Alimentazione a batteria  

Inoltre, le installazioni AGPU possono essere classificate in base alla mobilità:  

  • Fisse a terra 
  • Montate a ponte 
  • Dispositivi mobili
" Gli AGPU a motore consumano diesel e producono emissioni e sono uno dei primi obiettivi per la decarbonizzazione del piazzale. L'elettrificazione del parcheggio è diventata una priorità per gli aeroporti che vogliono ridurre in modo significativo la loro impronta di carbonio.
Ivar Bal Senior Engineer

Laddove non sono ancora disponibili sistemi di alimentazione e aria condizionata installati in modo permanente, le AGPU, insieme ai veicoli di terra come i camion del carburante, i camion per il pushback, i veicoli per il catering, gli addetti ai bagagli e i veicoli per i servizi di smaltimento dei rifiuti, sono destinati a essere sostituiti con alternative elettriche.   

Questo cambiamento richiede una solida infrastruttura di ricarica, che impone ai terminal aeroportuali un carico significativo per soddisfare queste richieste. 

Qui siamo pionieri delle soluzioni sostenibili  

L’elettrificazione dei piazzali è complessa. Lo spazio sul piazzale è generalmente scarso perché l’area intorno all’aeromobile deve essere mantenuta libera mentre i motori sono in funzione. I requisiti normativi e operativi comportano ulteriori vincoli. È necessario ospitare molti veicoli ed evitare la congestione per garantire sicurezza ed efficienza. E ogni aeroporto ha le sue sfide.  

Per garantire che i processi di handling si svolgano in modo fluido ed efficiente, sono necessarie competenze specifiche sui sistemi e un’ampia esperienza. Ciò implica la necessità muoversi tra le normative più severe, comprendere i vincoli operativi e le esigenze specifiche di ogni aeroporto. Con un’attenzione particolare ai sistemi aeroportuali specializzati, Deerns eccelle nella progettazione di stand che si allineano perfettamente all’infrastruttura del terminal e ai requisiti dell’aeroporto. 

Deerns combina la sua esperienza ingegneristica con la conoscenza operativa dell’aeroporto, in modo che il design del piazzale e i rispettivi sistemi siano perfettamente integrati in ogni singolo stand di aeromobili, evitando difficoltà operative. Ad Amsterdam, ad esempio, poiché le unità di potenza non possono essere immagazzinate all’interno del piazzale a causa del rischio reale di ristagno dell’acqua e di allagamenti, Deerns sta progettando soluzioni alternative in cui le GPU sono installate in superficie.  

Lavorando all’interno dei vincoli operativi di ogni aeroporto, i nostri strumenti avanzati e il software di modellazione ci permettono di simulare molteplici scenari che affrontano le singole condizioni operative. Dall’ottimizzazione delle aree di attesa del personale di terra alla progettazione di rotte di servizio efficienti, diamo priorità alla sicurezza, all’efficienza e alla flessibilità. Per problemi particolarmente complessi e specifici del cliente, i nostri ingegneri programmano persino un software per fornire un’esperienza di pianificazione in prima linea, assicurando precisione nei movimenti degli aeromobili, nella progettazione degli stand e nel posizionamento delle attrezzature. 

Nella progettazione di stand per aeromobili, Deerns funge da one stop shop, integrando le diverse esigenze di aeroporti, compagnie aeree e operatori di terra. Dalla progettazione dettagliata degli stand e delle installazioni di assistenza a terra per gli aeromobili ai ponti d’imbarco, all’illuminazione e ai sistemi sotterranei di idranti per il carburante, il nostro approccio completo garantisce che gli aeromobili ricevano un servizio ottimale, che gli operatori a terra dispongano di uno spazio adeguato e che tutti gli standard di salute e sicurezza siano rispettati.   

Questo vale sia per i progetti brownfield che greenfield. I nostri consulenti e progettisti consigliano gli architetti nelle primissime fasi del progetto per garantire una pianificazione aeroportuale ottimale, supportata da solidi elementi di ingegneria in modo che i sistemi funzionino in modo ottimale riducendo al minimo le emissioni. 

Guardare avanti: Ricerca di tecnologie future  

Mentre il settore si evolve verso voli alimentati a idrogeno, elettrici o a biocarburante, Deerns è in prima linea nella ricerca e nella consulenza ai clienti sulle tecnologie future. Il nostro impegno va oltre il presente, assicurando che le nostre soluzioni rimangano adattabili alle innovazioni emergenti.  

La decarbonizzazione del piazzale è un tassello fondamentale nel più ampio mosaico della sostenibilità aeroportuale. Deerns si dedica a supportare gli aeroporti nel loro percorso di decarbonizzazione, offrendo competenze in nuove strategie, transizione energetica, smart grid, scelte di materiali e ingegneria di prima linea, per guidare il settore dell’aviazione verso orizzonti più verdi. 

Let’s talk

Matthias Pöter

Sector Director Airports

de